Top

Oggi vi parliamo delle spiagge che abbiamo avuto il piacere di frequentare nella costa SUD-EST della Sardegna.

Parleremo del Golfo di Orosei tra grotte, spiagge e trekking e di Villasimius e le spiagge nei dintorni.

Vi sconsigliamo logicamente di andare ad Agosto. In quel periodo per la quantità di turisti vi potrete scordare foto da cartolina e tranquillità. Bisogna ricordarsi che la Sardegna a giungo, luglio e settembre offre clima e mare a prezzi più accessibili e con meno ressa. Comunque anche noi, come tanti, avendo le ferie “fissate” siamo dovuti andare in quel periodo ed è comunque fantastico.

I colori del mare nel Golfo di Orosei - Sardegna

Le spiagge:

  • Cala Luna
  • Cala Mariolu
  • Cala Goloritzè
  • Punta Molentis
  • Porto Giunco
  • Campulongu
  • Porto sa Ruxi

GOLFO DI OROSEI

Il Parco Nazionale del Golfo di Orosei e del Gennargentu è un’area naturalistica bellissima, meta di migliaia di turisti ogni anno. Le spiagge più affascinanti che abbiamo potuto ammirare sono: Cala Luna, Cala Mariolu e Cala Goloritzè; e sono raggiungibili solo in battello o facendo delle escursioni attraverso la macchia mediterranea.

I barconi che portano a le varie spiagge partono sia da Cala Gonone che da Santa Maria Navarrese. Nei rispettivi porti troverete diverse opzioni per servizi simili. Dalla singola spiaggia al tour che le offre tutte, compresa la visita alle Grotte del Bue marino. I prezzi delle escursioni in nave in alta stagione partono dai 20 euro a testa in su per gli adulti per la visita abbinata (grotta + Cala Luna).

La prima bella sensazione la si prova prima di arrivare a Cala Gonone. Se ci arrivate in macchina è probabile che lo facciate arrivando da Dorgali con un paesaggio chiuso dalle montagne; dovrete attraversare la galleria Etza e, appena gli occhi si riabitueranno alla luce, avrete ai vostri piedi la vista del mare.

cala luna

Cala luna - Sardegna

Cala Luna è caratterizzata da un laghetto situato alle spalle della spiaggia,  cinto dagli oleandri, mentre lungo la spiaggia vi sono alcune grandi grotte. Io (Claudio) ho avuto la fortuna di andarci 30 anni fa, da piccolo, quando era meno conosciuta; ora è possibile trovarci le comodità di qualsiasi spiaggia compreso l’affitto di sdraio, pedalò, pinne ...

Per arrivare a piedi bisogna fare un trekking (che non abbiamo mai fatto) di circa 7 km, percorrendo il sentiero che parte da Cala Fuili.

cala mariolu

Cala Mariolu - Sadregna

Cala Mariolu, come la maggior parte delle spiagge della costa, non ha sabbia ma piccoli ciottoli bianchi che rendono il mare di colori e trasparenze mai visti. Ci siamo stati in uno dei tour che permettono di visitare più spiagge, quindi per poche ore, ma ci siamo ugualmente portati a casa il ricordo di quegli scenari mozzafiato.

 

In estate c’è un piccolo chiosco con prodotti da bar.

cala goloritzè

Cala Goloritzè - sardegna

Un’altra tappa che ho sperimentato sia col barcone che con il trekking è stata Cala Goloritzè. Questa rimane la mia preferita. Anch’essa è una spiaggia di ciottoli ed è caratterizzata dalla guglia di Punta Caroddi alta 147 metri e da un arco di pietra sul mare

Ad oggi per proteggerla è stato impedito l’attracco dei barconi direttamente sulla spiaggia, quindi ci si deve arrivare a nuoto con piccole imbarcazioni che non possono avvicinarsi a meno di 300 metri dalla spiaggia (quando siamo andati noi, ci si arrivava col barcone). L’ingresso alla spiaggia è a numero chiuso per limitare il numero degli accessi (max. 250 al giorno) al costo di 6 euro per adulti e gratuito per i bambini sotto i 6 anni.

NON è presente nessun tipo di servizio in spiaggia. Quindi bisogna portarsi tutto il necessario.

Tempo prima io ho fatto anche il trekking per raggiungerla. Lo consiglio vivamente.
È un percorso abbastanza facile (ero anche giovane) che parte dall’altopiano del Golgo (Baunei), si percorrono pochi passi in zona fino alla “voragine del Golgo” e, dopo aver pagato il ticket e aver controllato di avere acqua e scarpe adatte, potrete partire. Una passeggiata (in discesa all’andata e in salita al ritorno) di circa 2 ore (7 km con un dislivello di circa 450mt) in mezzo alla macchia mediterranea, accompagnati da asinelli e caprette, arriverete alla scalinata finale con sotto i vostri piedi il mare. Un esperienza magnifica.

 

grotte del bue marino

Grotta del bue Marino - Sardegna

Oltre alle spiagge, il golfo offre un’altra attrazione: le Grotte del Bue Marino. Venivano così chiamate le foche monache che un tempo abitavano queste acque e nidificavano al riparo nella grotta. La grotta, raggiungibile sempre in battello (o col solito trekking), ha come caratteristica principale il fatto che l’acqua del mare si inoltra all’interno della grotta per alcune centinaia di metri fino a mescolarsi con l’acqua dolce proveniente da un fiume sotterraneo; questo rende la grotta magica con specchi d’acqua immobili e trasparenti. Adattissima per un ora di magia con i bambini.

Noi l’ultima volta abbiamo fatto l’abbinata Cala Luna + Grotte del bue Marino. Il prezzo è di 20 € adulti e per bambini sotto i 10 anni 10 €

Preparativi per la cena all'agricampeggio Nuraghe Mannu

Prima di lasciare il Golfo di Orosei vi raccontiamo di una nostra inaspettata scoperta. La prima volta che siamo stati in questa zona come coppia (nel 2008), Vale ha fatto delle ricerche prima di partire e le offerte a Cala Gonone paese tra campeggio e case/camere non ci soddisfacevano. 

Allora Vale ha scoperto lungo la strada che porta in paese l’agriturismo Nuraghe Mannu

Un vero agriturismo dove vengono allevate pecore e maiali. Propone diverse piazzole per le tende e alcune camere. Ma il suo forte è la cena. Organizzata per tutti alla stessa ora e con menù fisso composto da antipasti, due o tre primi, due o tre secondi (maialetto compreso), vino, dolce e mirto… nel 2020 il prezzo era di 28 euro. 

Tanta roba!

ARBATAX

Abbandonato il Golfo di Orosei, si procede in direzione Cagliari sulla statale 125, una strada che vi permette di passare tra panorami mozzafiato e caprette cha passeggiano sull’asfalto; noi abbiamo fatto tappa ad Arbatax per andare a mangiare pesce alla Cooperativa Pescatori Tortolì

Ottimo pesce mangiato praticamente in spiaggia. 

ah… ogni tanto capitano quelle cose che dici ma … era vero? Lungo strada qualcuno era andato al bar parcheggiando fuori il suo cavallo… come al saloon!! 🤣

BARISARDO

Un’altra tappa che nel tempo abbiamo fatto è stata a Barisardo, al campeggio Camping Marina. Campeggio carino, ottima cucina al ristorante e ampia spiaggia, adatta ai bambini.

VILLASIMIUS

Punta Molentis

Prima di arrivare a Villasimius dalla SP18 è possibile prendere una strada sterrata che passa sotto la strada stessa e che porta a Punta Molentis. Sabbia bianca, fondale basso da un lato e scogli e rocce dall’altro rendono questa spiaggia caratteristica adattissima con i bambini e quindi purtroppo troppo affollata in agosto e nei weekend.

Ora l’ingresso è riservato a 500 persone al giorno ed il parcheggio è a pagamento (10 euro a macchina + 1 euro a persona) ed è presente un servizio di spiaggia attrezzata ed un bar sulla parte sinistra della spiaggia.

Porto Giunco

Superando lo svincolo per Villasimius e proseguendo verso Capo Carbonara si arriva alla famosa (a ragion veduta) Porto Giunco.
Altro paradiso di sabbia bianca e finissima che offre un fondale basso per molti metri e quindi ideale per famiglie con bambini anche piccoli che potranno giocare in acqua in tranquillità. Questa spoiaggia è caratterizzata da un grande stagno subito dietro l’arenile in cui è possibile fare bird watching e vedere i fenicotteri rosa. Anche qui il parcheggio è a pagamento (5 euro a macchina) ed è servitissima con spiaggia attrezzata, bar e bagni pubblici.

Campulongu

Altra spiaggia a misura di bambino per il suo fondale basso e sabbioso è Campulongu. Una lunga distesa di sabbia bianca con alle spalle dune, ginepri ed una bella pineta. Se avete con voi pinne maschera e boccaglio andate allo scoglio che si trova in mare circa di fronte al centro della spiaggia. Verrete circondati da miriadi di pesci colorati. Uno spettacolo.


Porto sa ruxi

Porto sa Ruxi - sardegna

Proseguendo verso Cagliari un’altra spiaggia che merita di essere citata è Porto sa Ruxi con sabbia bianca, mare cristallino e le sue dune su cui crescono ginepri secolari storti e piegati dal vento.

Anche quì l’ingresso è chiuso a 450 bagnanti ed il costo del parcheggio, come per Punta Molentis, è di 10 euro a macchina + 1 euro a persona

0

Comments:

  • 8 Marzo 2022

    Non sono mai stata in Sardegna e mi dispiace un sacco, perchè mi rendo conto di essermi persa moltissimo! Soprattutto per una come me che ama tanto le spiagge questa isola è un vero paradiso!

    reply...
    • Valentina

      8 Marzo 2022

      Se ami il mare devi assolutamente andare in Sardegna! Spanne sopra a molte spiagge caraibiche.

      reply...
  • 9 Marzo 2022

    La prima volta che sono andata in Sardegna mi ero innamorata di Cala Mariolu, ma l’anno scorso devo dire che Villasimius mi ha particolarmente colpito, e l’ho trovata anche meno caotica!

    reply...
    • Valentina

      10 Marzo 2022

      Noi amiamo quella zona. Siamo di parte perchè il 50% della famiglia è sardo e quindi conosciamo bene quelle spiagge. Un paradiso!

      reply...
  • 9 Marzo 2022

    Ma questi colori che meraviglia sono? Ti dico solo che, a un primo sguardo, le scogliere della Sardegna mi hanno ricordato tantissimo quelle della Thailandia: un tuffo al cuore! Così assurdo pensare che andiamo così lontano, ma abbiamo dei veri paradisi a pochi chilometri da noi!

    reply...
    • Valentina

      10 Marzo 2022

      Hai perfettamente ragione. Noi siamo stati in Thailandia, Vietnam, Cuba, ma il mare della Sardegna è unico!

      reply...
  • Libera

    12 Aprile 2022

    Questa parte della Sardegna mi è piaciuta tantissimo . Il mare ha delle sfumature di colore che sono davvero incredibili e ti impediscono quasi di uscire dall’acqua .

    reply...
    • Valentina

      13 Aprile 2022

      E’ proprio vero Libera! il 50% della nostra famiglia ha origini sarde quindi conosciamo molto bene questa zona. Ci torniamo sempre volentieri perchè il mare della Sardegna è unico!

      reply...
  • 13 Maggio 2022

    Come non amare la Sardegna. Leggere questo articolo mi ha fatto tornare indietro di tanti anni, quando ho visitato questi luoghi a bordo di un camper!!

    reply...
    • Valentina

      3 Giugno 2022

      Girare la Sardegna in camper dev’essere bellissimo, è un’esperienza che ci manca ma che prima o poi proveremo!

      reply...
  • 16 Maggio 2022

    Quanto amo questa porzione di Sardegna! Adoro tutte le spiagge che hai citato, in particolare Cala Luna e Cala Goloritzè (bellissimo il trekking per raggiungerla). Se potessi, partirei subito per questo angolo di paradiso!

    reply...
    • Valentina

      3 Giugno 2022

      Anche noi non vediamo l’ora di rituffarci in questo splendido mare!!! Le vacanze sono sempre più vicine!

      reply...
  • 21 Luglio 2022

    Uno dei mari nostrani che prediligo: Sardegna for ever! L’abbiamo girata in lungo e in largo, e sono contenta che adesso nelle cale più iconiche ci sia il numero chiuso. Ti faccio un esempio: noi siamo arrivati a Cala Goloritze dal sentiero, a piedi, circa un’ora di camminata. Ce lo siamo meritato quel bagno nelle acque turchesi! All’epoca non c’era il numero chiuso, e in contemporanea sono arrivati non so quanti barconi che hanno letteralmente cancellato la magia. Un posto così non è Rimini, non può accogliere tutte quelle persone!

    reply...
    • Valentina

      2 Agosto 2022

      Sono assolutamente d’accordo con te, bisogna preservare questi delicati ecosistemi.

      reply...

post a comment